img-pagina-NEFDM-700x329

(Non) è la fine del mondo

Il progetto (Non) è la fine del mondo, è uno dei vincitori del bando “Ambito 3 – Obiettivo FOCUS Fondo per la cultura sostenibile” del Comune di Milano. Il progetto è ideato e sarà realizzato da Nel Cuore Della Notte – un gruppo informale che include voci provenienti dal mondo della cultura, dell’arte e del sociale, che si è aggregato a partire dal 2019 per cercare di immaginare azioni, sviluppare pratiche performative inclusive e comunitarie innervate nel tessuto urbano.

Teatro delle Moire è portavoce e soggetto formale proponente del progetto.

(Non) è la fine del mondo è un’azione dedicata e da fare con i luoghi e i corpi che più di tutti hanno messo a nudo la nostra comune vulnerabilità, precarietà, interdipendenza: è una chiamata all’arte processuale e relazionale e vuole rivolgersi prima di tutto agli anziani. Per ripristinare e riparare le trame di ciò che è stato vissuto, che si è modificato, logorato e danneggiato, espunto, il progetto prevede, quindi, l’incontro con soggetti fragili per provare insieme a realizzare un ricamo a partire dalle parole che compongono il “manifesto” del gruppo Nel Cuore Della Notte, e che tutte assieme faranno parte di un grande arazzo collettivo, per fare delle cicatrici un ricamo. Tra le azioni del bando sono previsti, inoltre, una serie di incontri di formazione per mettere a frutto le competenze e le esperienze di molti dei componenti del gruppo, ma anche a cura di esperti esterni.
Il progetto si compone delle seguenti attività:

SCRITTURA DI UN MANIFESTO COMUNE
– Il seme del progetto è un MANIFESTO che abbiamo scritto la scorsa primavera, in cui cerchiamo di tenere unita la complessità che sentiamo, per come siamo riuscite e riusciti a vederla, tracciando la tensione tra ciò che ci opprime e ciò che ci slancia.
– Tra giugno e luglio, a Bologna, l’artista visivo e illustratore Marco Smacchia, trasforma il Manifesto in opera d’arte su carta, che viene poi trasformata in digitale e inviata a tutti i 400 camminatori che hanno partecipato al cammino del 21 settembre 2019, a riviste e giornali.

RADIOVISIONE
la radio del gruppo, la cui esperienza sta accompagnando tutto lo sviluppo del progetto. Dal 9 novembre sono disponibili i podcast di tre trasmissioni: Sognare la terra, Cavalieri nella tempesta, Extraterrestre

19 SETTEMBRE 2020, CASA JANNACCI, MILANO
– nel prato di Casa Jannacci (la struttura pubblica d’accoglienza più grande d’Europa di proprietà del Comune di Milano, già protagonista di una delle tappe più significative del cammino del 21 settembre 2019) abbiamo rincontrato chi delle oltre 400 persone ha già camminato con noi, per riprendere il percorso insieme.

LABORATORI rivolti al pubblico e alle reti locali, gruppi spontanei, centri diurni, RSA, centri di aggregazione, a Milano e provincia
Social Dreaming, (Fabrice Olivier Dubosc)
Ricamo (Serpica Naro)
Corpo, Respiro e Voce, (Cinzia Delorenzi, Cristina Negro, Antonello Cassinotti, Alessandra De Santis, Costantino Pirolo)
– Cura e relazione con le persone in condizione di vulnerabilità e precarietà, a partire da quelle anziane, presentazione del manifesto e dell’attività di ricamo con gli anziani, costruzione di un temario per la raccolta dei materiali audio e intervist Integrazione della dimensione artistica e sociale, condotto da: Lorenzo Grimaldi, Antonella Spina, Paolo Cozzi, Roberta Secchi, Andrea Armocida
Elaborazione immaginativa e tessuto immaginativo, sulla parola, sulla sua relazione con uno spazio immaginativo che apre all’azione (Antonio Moresco, Letizia Buoso)
Come realizzare una testimonianza video, creazione e uso dell’immagine condotto dal regista Andrea Caccia.

21 GIUGNO 2021, IN UNA GRANDE PIAZZA DELLA CITTÀ DI MILANO:
– Azione pubblica
, aperta sia a chi ha partecipato al processo, sia a tutti quelli che lo desiderino: dal tramonto all’alba, da tutti i luoghi coinvolti, come lungo i raggi di una stella a più punte convergendo verso un unico centro, si sviluppano cammini simultanei che approdano a un luogo altamente simbolico della città di Milano (es. Palazzo della Regione o Piazza Duomo o Stazione Cadorna). Lungo i percorsi si ascoltano le testimonianze audio raccolte durante il processo. I partecipanti ai diversi cammini, portano con sé i materiali ricamati: tutti i pezzi vengono raccolti e ricuciti insieme durante la notte a ricomporre un unico arazzo.

Nascita e azioni del gruppo Nel Cuore Della Notte
1.
Nel dicembre 2018 Alessandra De Santis scrive una lettera aperta all’ex sindaco di Riace, Mimmo Lucano e ai nostri governanti, in cui oltre ad esprimere la solidarietà nei confronti dell’opera dell’allora sindaco, sollevava una serie di domande riguardo alle politiche sui migranti e più in generale sui temi scottanti che riguardano l’ambiente, lo stato sociale, i principi di solidarietà. Questo primo gesto si è poi tradotto in un’azione pubblica collettiva dirompente, con la complicità dello scrittore e camminatore Antonio Moresco, ideata e organizzata con il contributo di moltissime altre persone provenienti dal teatro, dalla danza, dalla cultura, dalla musica, dal mondo dell’arte visiva, dal sociale, dal titolo Nel Cuore Della Notte un cammino politico e poetico dal tramonto all’alba realizzatosi il 21 settembre 2019 nella città di Milano: 12 ore di cammino, 28 chilometri, più di 500 persone

2. Nel Cuore della Notte è un gruppo aperto che non ha smesso di incontrarsi nemmeno durante il periodo del lockdown, nei modi consentiti, per continuare ad interrogarsi ed immaginare azioni artistiche nuove modalità di stare insieme, affratellarsi intorno a dei valori che travalicano le individualità, trovare nuovi percorsi che escano dalla logica produttiva e dell’evento, riconnettendo la dimensione culturale e artistica di ciò che si propone al suo ineluttabile contenuto politico. Ed arriva a immaginarsi e progettare (Non) è la fine del mondo.

3. Seme del progetto è un Manifesto, in cui si cerca di tenere unita la complessità di quello che il gruppo sente, tracciando la tensione tra ciò che lo opprime e ciò che lo slancia.

4. Negli stessi mesi, sorge l’esigenza di condividere alcune visioni, sperimentando il linguaggio radiofonico. Nasce così RadioVisione che comincia le sue trasmissioni il 9 novembre 2020 sulla piattaforma spreaker.com e sarà strumento che si affiancherà al progetto (Non) è la fine del mondo.

[Estratti di Rassegna stampa]


CONTATTI

email: camminonelcuoredellanotte@gmail.com
fb: www.facebook.com/NelCuoreDellaNotte/