the-camp

THE CAMP

DOM-

In residenza: dal 9 al 20 dicembre 2019

Il cuore di questo nuovo progetto gira intorno alla parola CAMP.

Si tratta di una parola che porta in sé un largo numero di scenari e significati. È una parola-paradosso, una parola-paesaggio, polisemica e in grado di aprire visioni anche molto contraddittorie.

Nella prima traduzione di questa parola c’è il significato di accampamento.

“L’accampamento è il modello abitativo del 21° secolo“ afferma Charlie Hailey in CAMPS – a guide to 21st-century space. L’accampamento è lo spazio che i governi biopolitici impongono di fronte alle calamità naturali e alle catastrofi (uragano Katrina, terremoto del Centro Italia etc.), ma è anche la condizione dove si trovano a vivere i migranti quando vengono chiuse le frontiere (Calais, Idomeni, etc.) o la soluzione temporanea alle emergenze abitative in città prive di adeguate strutture di accoglienza (Baobab a Roma, la condizione abitativa dei rom nel nostro paese). Sono esistiti e continuano ad esistere i campi militari, i campi di concentramento, i campi di detenzione. È lo stato di eccezione secondo Giorgio Agamben. Poi esistono i campi base, come appoggio logistico per esplorare spazi impervi o colonizzare mondi. Gli accampamenti però, sono anche il luogo concreto e simbolico delle rivolte degli ultimi anni (movimento Occupy, piazza Tahrir, etc.) o, in altri casi, “l’accampamento è uno spazio di ricreazione dove giocare fuori dalle norme della società” (il festival Burning Man per esempio).

Il CAMP è altresì, una corrente artistica, definita per la prima volta da Susan Sontag nel 1954 in Notes on Camp:

« L’essenza del Camp è anzi il suo amore dell’innaturale, dell’artificio e dell’eccesso. Per di più il Camp è esoterico, è una specie di cifrario privato, una sorta di segno di riconoscimento fra ristrette cerchie urbane […]. Non esiste solo una visione camp, un modo camp di guardare alle cose. Il Camp è anche una qualità individuabile negli oggetti e nel comportamento delle persone. Ci sono film camp, abiti camp, mobili camp, e ancora canzoni, romanzi, individui ed edifici camp. Questa è una distinzione importante. Lo sguardo camp ha effettivamente il potere di trasfigurare l’esperienza. Ma non tutto può essere visto come Camp. Il Camp non risiede interamente nello sguardo dello spettatore […]. Tuttavia, anche se gli omosessuali ne sono stati l’avanguardia, il gusto camp è molto più che gusto omosessuale. Ovviamente la metafora della vita come teatro è particolarmente adatta a legittimare e rappresentare certi aspetti della situazione omosessuale. »

Il campo è, infine, lo spazio dell’incontro delle molteplicità, dell’assemblaggio tra forze umane, simboliche, anatomiche, culturali e quelle non umane, tecnologiche, animali e vegetali, visibili e invisibili, atmosferiche: tutte le forze in campo che con-divenendo inventano una possibilità, un paesaggio, un futuro. È il campo come spazio della co-creazione, come forma in continuo movimento, arte della prefigurazione, spazio rituale, spazio “dell’antico rito del teatro che ancora raduna i vivi e li nutre.”

A partire da queste schegge di pensiero intorno alla parola CAMP si dispiega la ricerca e la proposta del progetto.

Ideazione e regia: DOM- Leonardo Delogu e Valerio Sirna
Con la collaborazione di: Antonio Moresco

La compagnia DOM- è inserita in “Intercettazioni” –  Centro di Residenza Artistica della Lombardia: un progetto di Circuito CLAPS e Industria Scenica, Milano Musica, Teatro delle Moire, ZONA K, con il contributo di Regione Lombardia, MiBAC e Fondazione Cariplo.

Intercettazioni logo laterale AL VIVO

PARTY-GIRL

Francesco Marilungo

Party Girl – studio

In residenza: dal 27 gennaio al 3 febbraio 2020

Party Girl è un’indagine sul processo di oggettivizzazione del corpo femminile, fenomeno che trova ampio spazio all’interno del mercato del sesso e più in generale nella pratica della prostituzione, laddove un corpo si mostra/viene...

Ho scritto lettere 2

La Lucina

Ho scritto lettere piene d’amore

In residenza: dal 4 all’8 novembre, dal 25 al 27 novembre, dal 29 al 30 novembre, dal 27 al 31 dicembre 2019

La Lucina è una compagnia eterogenea di linguaggi e personalità, fondata nel 2016 a Milano. Si compone di: Valeria Angelozzi, diplomata allo Stabile di Genova, e Miriam Podgornik dalla Scuola Paolo Grassi che curano...

PHASE-DUO

Eloisa Manera (violino) Stefano Greco (elettronica e monochord) Cristina Crippi (visual)

PHASE DUO

in residenza: dal 22 al 23 maggio, dal 18 al 20 giugno, dal 5 al 8 settembre, dal 22 al 23 settembre, dal 5 all’8 ottobre 2019

Phase Duo sono Eloisa Manera (violinista, compositrice and improvvisatrice) e Stefano Greco (producer, sound designer e dj). Lei arriva dal mondo della classica, ha suonato con Mario Brunello e Herbie Hancock e la sua...

EVE

di e con Filippo Michelangelo Ceredi

EVE

in residenza: dal 13 al 15 marzo, dal 20 al 23 marzo, dal 17 al 19 aprile, dal 15 al 18 maggio, dal 26 al 30 giugno, dall’1 al 3 settembre, dal 24 al 28 settembre, dal 9 all’11 ottobre, il 13 ottobre, dal 28 al 31 ottobre 2019

si tratta di una esplorazione dell’inconscio collettivo contemporaneo, attraverso le immagini che hanno costruito la rappresentazione occidentale del mondo, intrappolata dentro un senso di declino e anche aperta alla possibilitá di un riscatto. Un...

FML-foto-prova-aperta

di Francesco Michele Laterza con Francesco Michele Laterza e Floor Robert

SELF HITS (titolo provvisorio)

in residenza: dal 24 al 26 aprile, 29 aprile, dal 4 all’8 giugno, dal 9 al 14 settembre 2019

La sua nuova produzione dal titolo provvisorio Self Hits, performance concerto di canzoni scaturite da trascrizioni di sogni, voci, indizi di personaggi. Il tema del sogno inteso come proiezione, incubo, costrizione, fuga o analisi...

evento-DOM

di e con Leonardo Delogu e Valerio Sirna

L’UOMO CHE CAMMINA #MILANO

in residenza: 24/30 settembre 2018

  DOM- è un progetto nato nel 2013 dalla collaborazione tra Leonardo Delogu e Valerio Sirna, che indaga il linguaggio delle performing arts, con una particolare attenzione alla relazione tra corpo e paesaggio. L’uomo...

Out-of-this-World-evento

di e con Cinza Delorenzi, Claudia Monti, Clelia Moretti

OUT OF THIS WORLD

in residenza: 24/28 febbraio, 2/4 marzo, 7/11 marzo e 20/26 novembre 2018

“Oggi i media hanno rivoluzionato l’informazione ma c’è una parte di lavoro che riguarda il corpo e la danza che è meno visibile e ciò nonostante opera, in altro modo, al di fuori dei...

pornopoetica

di e con Titta Cosetta Raccagni e Barbara Stimoli

PORNOPOETICA

in residenza: 17/31 agosto, 29 novembre/3 dicembre 2018

Partendo da un’analisi e da una relazione con “Testo tossico” di Paul B. Preciado, la performance PORNOPOETICA si insinua tra le maglie dell’immaginario pornografico, proponendone una riscrittura, anzitutto estetica. Pornopoetica indaga il confine della...

Balduzzi-x-sito

di e con Massimiliano Balduzzi

LUNATICO

in residenza: 6/13 luglio e 1/12 agosto 2018

Perché lo dici sottovoce? Perché voglio che ti avvicini. La voce umana puo’ articolare molti suoni, vocali e consonanti di ogni tipo. Sa combinarli fra loro in parole infinite, tante quante le cose del...

FML-foto-prova-aperta

di e con Francesco Michele Laterza

SELF HITS primo studio

in residenza: 13/15 aprile, 20/22 aprile, 6-20-27 giugno, 12/17 giugno e 5/9 dicembre 2018

I primi appunti di questa nuova creazione si muovono a partire da una serie di canzoni scritte negli ultimi cinque anni, da una collezione di personaggi fittizi e dalla sperimentazione di diverse modalità performative...

la-soglia-giardino

di e con Flora Vannini e Raffaele Rezzonico

LA SOGLIA GIARDINO

in residenza: 19/23 gennaio, 22/30 marzo e 18/20 e 25/27 maggio 2018

La Soglia Giardino raccoglie oggi tre composizioni di parole, movimenti e suoni che provano a ricostruire in modo personale e indiziario l’origine di tre giardini: quello che nasce nel chiuso della nostra mente, della...